e-work: crescita e nuove filiali nel 2022

Giu 8, 2022 | Newsletter

A cura di Paolo Ferrarese, Direttore Generale e-work

 

Il 2022 si è aperto con grandi novità per il Gruppo e-work: chiuso l’anno precedente con una crescita del 20% – e un fatturato consolidato di 165 milioni di euro – siamo ora pronti a rafforzare il posizionamento del nostro brand, in Italia e all’estero, con un piano di aperture che guarda con ambizione alle sfide post pandemia del mercato interno e dell’head hunting a livello internazionale.

Entro l’anno, saranno infatti 12 le nuove aperture e-work nel centro-nord Italia, in particolare concentrate in Piemonte (Vercelli – in apertura entro giugno – e Borgosesia), Lombardia (Brescia, Villongo – aperta a gennaio, Treviglio, Milano – in apertura entro giugno) Veneto (Conegliano, Thiene), Emilia Romagna e Toscana: un rafforzamento che porterà da 36 a 48 le filiali del Gruppo complessivamente presenti sul territorio nazionale e sarà sostenuto da un piano di assunzioni interne, con nuovi inserimenti già nel primo semestre.

Ma non solo: proseguendo il programma di acquisizioni internazionali iniziato nel 2020 in Polonia, che ha portato all’apertura di e-work HR company Poland – società specializzata nella ricerca di personale per il medical e la logistica e di professionisti per la cyber security – nei prossimi 18 mesi e-work entrerà in nuovi mercati. Nuove acquisizioni in Svizzera e Spagna consentiranno l’ingresso del Gruppo e-work con le sue aree di specializzazione e di expertise in mercati esteri dinamici e attrattivi, consolidando il posizionamento del Gruppo a livello internazionale.

L’head quarter di Milano si è trasferito in una nuova sede, costruita attorno al concetto olistico e libero di ufficio, interpretato come luogo da vivere. Spazi da condividere, senza divisione tra colleghi. Aree, interne ed esterne, da godere nei momenti di break, siano essi quelli canonici della pausa oppure di qualunque momento della giornata. Salottini tematici in cui ricevere gli ospiti o lavorare a stretto contatto tra colleghi. Importanti inserti di verde verticale con lichene stabilizzato per donare un miglior confort e qualità dell’aria. Impianti di ricircolo e purificazione dell’aria con le più moderne tecnologie certificate per abbattere anche il rischio Covid-19. Servizi per la sicurezza dei propri oggetti, per svolgere attività fisica e per la mobilità personale.

Il tutto con una particolare attenzione al consumo energetico, al controllo della produzione dei rifiuti e al benessere, nostro e del pianeta: lo stesso spirito con cui e-work agisce tutti i giorni con rispetto ed attenzione per ridurre i consumi energetici, lo spreco di carta e la gestione dei rifiuti prodotti sul luogo di lavoro.

 

Newsletter – ultimi articoli

Sales-Wellness Balance: come trovare il giusto equilibrio tra risultati e felicità

Sales-Wellness Balance: come trovare il giusto equilibrio tra risultati e felicità

Negli ultimi anni, la visione dell’impiego e del lavoro è cambiata drasticamente. Ma cosa si cela dietro a un fenomeno socio-economico così impattante come quello delle grandi dimissioni cui stiamo assistendo? Tra soft skill, nuove esigenze di performance e di benessere, l’analisi del clima aziendale con la risoluzione dei problemi e la valorizzazione delle risorse presenti, può essere il primo passo verso un cambiamento di prospettiva che mette le persone al centro.

leggi tutto
Competenze e talenti digitali. Intervista a Omar Mirzan Iacci, responsabile di IT Executive Branch.

Competenze e talenti digitali. Intervista a Omar Mirzan Iacci, responsabile di IT Executive Branch.

La selezione di profili IT è diventata un’attività strategica decisiva per il futuro di ogni azienda e una missione a volte impossibile per le Risorse Umane interne ad una organizzazione, La ricerca, l’attraction e il reclutamento di queste figure risulta cruciale, ma le difficoltà che si incontrano quando si intende assumere uno specialista IT sono sempre maggiori e complesse: dall’azienda che non sa o ha continui ripensamenti rispetto a quali esigenze IT debba soddisfare, all’HR che non parla la stessa lingua del candidato e dell’hiring manager, oltre ad una competizione sempre più spietata tra le imprese per accaparrarsi i migliori talenti, che si allarga oltre i confini nazionali e con nuovi contendenti.

leggi tutto